François – Il “ritorno” del Cristo



Il significato di essere "cristiano"

giovannibattistagayulli-ilbaciccio-nativita-283François, una delle entità che si manifestavano attraverso la medianità di Roberto Setti del Cerchio Firenze 77, , parla di quello che è oggi il cristianesimo e dei rappresentanti di Cristo. Parole dette pochi anni prima che Roberto Setti morisse, quindi tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 dello scorso secolo, ma molto valide anche oggi. Anzi ritengo che il quadro che François fa dei rappresentanti del cristianesimo è preciso quando afferma «Che cosa sono gli ecclesiastici di oggi? Uomini politici in vesti sacerdotali; lupi rapaci in vesti di pecore; falsi profeti». Ma, come aggiunge subito dopo, «non tutti rientrano in questa poco lusinghiera definizione». D’altra parte lo sappiamo dalla storia che il clero, soprattutto le alte gerarchie, era interessato alla politica del proprio tempo e i papi hanno esercitato anche il potere temporale fino alla fine del 1800. Infatti, papa Pio IX (1792-1878) è stato l’ultimo papa re. Ma quanto desiderio di potere c’è ancora da parte di alcuni alti prelati!
Le parole di François, precedute dalle riflessioni di chi era presente alla seduta, sono esaurienti e pregnanti, pertanto non mi dilungo a commentarle oltre.

D. – Non si può dire che i principi cristiani siano diventati, in questi due millenni, coscienza! Alcuni hanno detto, o dicono, anzi, che l’opera del Cristo è pressoché fallita. Com’è potuto accadere questo? Che responsabilità ne hanno le Chiese?

800px-albrecht_durer_062-166R. – Dove si vede che non è stato il principio che ha trasformato l’uomo, ma l’uomo che ha adattato a se stesso il principio…
Non è certo col creare una religione e porsi sotto la sua insegna, cioè agire e pensare come questa religione insegna, che si cambia il proprio sentimento; che, in altre parole, si evolve.
Che cosa sono gli ecclesiastici di oggi? Uomini politici in vesti sacerdotali; lupi rapaci in vesti di pecore; falsi profeti. Pur tuttavia noi cadremmo nel loro stesso errore se non riconoscessimo obiettivamente che non tutti rientrano in questa poco lusinghiera definizione.

albrecht_durer_017b-192Riportiamoci al primo cristianesimo, al primitivo ardore, quando occulte erano le riunioni perché il fuoco divampasse più intenso, quando quella che sembrava la debolezza dei cristiani era in realtà la loro forza…
Si teme di perdere proseliti quando si dà valore all’organizzazione, e si dà valore all’organizzazione per esercitare un’autorità che, comunque si chiami, è sempre di natura temporale, perché quella spirituale non si conferisce certo con una .investitura né è subordinata all’appartenenza ad una qualsiasi religione.
Cristo sorgerà nell’intimo di ogni uomo, appartenga all’una o all’altra religione, all’una o all’altra fede politica.
L’uomo si chiama cristiano quando ama il prossimo suo.
Credere di cambiare l’uomo bagnandolo o circoncidendolo equivale a credere di poterlo mutare cambiandogli l’abito.

07-bellini-il-giambellino-madonna-col-bambino-164Ma l’opera del Cristo non è fallita. Cristo – la Carità, l’Amore fraterno – sorgerà nell’intimo di ogni uomo e non già per riconoscimento di una qualsiasi organizzazione religiosa che porti o non porti il suo nome.
Lasciate quindi che si perdano nei sillogismi delle loro teologie; lasciate che proscrivano gli uomini liberi, chi non condivide i parti della loro fantasia, chi non compra per oro il loro orpello! Quel Cristo in nome del quale hanno compiuta la "strage di san Bartolomeo", accesi i roghi dell’Inquisizione, segregate e torturate le creature, no, non è certo il figlio di Dio, ma il più grande malfattore dell’umanità.
Non altri condanneranno, quindi, se non se stessi.

NOTA – Nella notte tra il 23 e il 24 agosto 1572 a Parigi furono massacrati moltissimi ugonotti – così erano detti i protestanti francesi che seguivano il pensiero di Calvino – da parte dei cattolici francesi.

Post correlati

Dali – Il Natale, la figura e il messaggio di Cristo

Entità A – Cristo guida dell’uomo

Cerchio Firenze 77: fenomeni medianici e insegnamenti spirituali

Radio intervista a Roberto Setti

I libri del Cerchio Firenze 77

Brani dell’insegnamento spirituale del Cerchio Firenze 77

Per approfondire

Il Cerchio Firenze 77 è presente in Internet con la pagina Cerchio Firenze 77 e su Facebook con la pagina Cerchio Firenze 77 e con il gruppo Amici del Cerchio Firenze 77 gestiti da Umberto Ridi.

Iscriviti alla Newsletter

Se vuoi essere aggiornato sui post della categoria Spiritualità iscriviti a questa Newsletter, se invece desideri essere aggiornato ogni volta che è pubblicato un post, iscriviti alla Newsletter generale che trovi nella colonna a destra della pagina





About The Author

Magicamente Colibrì

Ho fatto studi classici al liceo e scientifici all’università, perché amo entrambi i mondi. Questa mia formazione è dovuta al fatto che in me convivono bene gli aspetti che caratterizzano l’essere umano, cioè quelli legati al pensiero razionale e a quello non razionale, e che sottintendono, rispettivamente, alla scienza e alla spiritualità. Molti sono i miei interessi e i post del blog lo dimostrano.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.