Entità A – Cristo guida dell’uomo



Perché Cristo è venuto sulla Terra

L’entità A, manifestatasi attraverso la medianità di Corrado Piancastelli, ha parlato in varie occasioni del Cristo. Giorgio di Simone, amico di Piancastelli e noto studioso di parapsicologia divulgatore del pensiero dell’entità A, ha raccolto queste comunicazioni medianiche in un volume intitolato Il Cristo vero, da cui traggo il seguente brano.
Nella comunicazione qui riportata insieme alle domande poste durante la seduta in cui furono fatte, Andrea, nome con cui l’entità si è fatta conoscere, spiega, tra l’altro, il motivo per cui Cristo è venuto sulla Terra in quel momento e in quel luogo.
A completamento di questo scritto, invito a leggere ciò che Dali, una delle entità del Cerchio Firenze 77, ha detto a proposito del Natale e della figura di Cristo.

Cristo Pantocrator - Cattedrale di Cefalù

Cristo Pantocrator – Cattedrale di Cefalù

Domanda: Sulla Terra gli uomini possono dividersi in due grandi gruppi: i cristiani ed i non cristiani. Cioè, idealmente, coloro che sono venuti per amare il prossimo e gli altri [Questo è un punto di vista sbagliato di chi pone la domanda, come rileverà l’Entità A nella sua risposta, nota di G. di Simone]. Partendo da tale presupposto possiamo considerare che in questi ultimi duemila anni il Cristo è stato la guida degli spiriti che si sono incarnati con quello scopo e che quindi egli può essere assunto come Guida in senso universale?

Andrea: Questa, più che una domanda è un’affermazione che, tuttavia, contiene ancora in sé la domanda.
Il Cristo, come abbiamo anche detto molto tempo fa, è effettivamente la guida spirituale della Terra, e lo era già in effetti, indipendentemente dalla sua venuta fra gli uomini e da ciò che ha detto o ha fatto. Il Cristo, spiritualmente, era grande anche prima di incarnarsi né, naturalmente, la sua vita e la sua morte ne hanno consacrato la grandezza. Direi anzi il contrario: voi avete conosciuto un Cristo minore rispetto a quello che era, come potenza spirituale. Lo avete seguito durante la sua breve vita e attraverso il racconto evangelico, come uno spirito che alla fine chiede pietà come un uomo qualsiasi. Dunque avete conosciuto un Cristo minore, costretto a ridursi attraverso fenomeni e "miracoli" per dare credito alla sua persona. Ma se così è, il suo messaggio per il prossimo non è tale in realtà da consacrarlo in modo particolare.
C’è anche da dire che l’amore per il prossimo è una intenzione, una volontà, che ritroviamo anche presso altre religioni non cristiane. Dunque, se il Cristo è venuto in Terra rivolgendosi nel suo parlare soprattutto all’Occidente e, in particolare, ad una parte dell’Europa, è perché questa parte era la meno "cristiana", anche quando il cristianesimo non esisteva! Era cioè pagana e senza una solida tradizione religiosa.

Giorgione - Natività

Giorgione – Natività

Infatti, non avrebbe avuto senso il fatto che il Cristo fosse andato ad incarnarsi, supponiamo, in India, dove già vigeva una fortissima tradizione filosofica, con solidissime basi speculative. Di fronte a tale tradizione consolidata, Gesù non avrebbe avuto niente da dire di nuovo. Mentre invece vi era tutto da dire per l’occidente greco-latino, e infatti è per queste popolazioni che egli è venuto.
Se l’osserviamo come presenza spirituale fuori della Terra, vedremo che si concretizzò l’idea di venire in Terra in questo spirito già consacrato alla solennità di Guida dell’intero sistema, proprio perché come Guida egli ritenne che fosse giunto il momento di dare una parola chiara e precisa a quelle popolazioni ed a quei Paesi. Perché, mentre in altre parti del mondo la situazione non era ancora matura o era già avanzata come in India, il Cristo ritenne di venire per i Paesi suddetti. Infatti, il suo messaggio è stato sempre rivolto ai Paesi pagani, e così esso assume una precisa significazione storica.

Cosimo Rosselli - Sermone della montagna

Cosimo Rosselli – Sermone della montagna

Ciononostante, non si può dire che il messaggio cristiano abbia proprio colto nel segno. In effetti, in duemila anni di storia cristiana, non c’è stato quel mutamento psicologico e spirituale che era lecito attendersi. Ma, probabilmente, il messaggio non era diretto con questa intenzione, a lunga scadenza e così in profondità. Bastava capovolgere una certa visione pagana e diffondere tra gli uomini l’idea di un Dio unico; un monoteismo, dunque, nel quale ritrovarsi. Per questo aspetto della questione si può ritenere che il cristianesimo abbia assolto il suo compito, perché è ormai molto difficile trovare chi crede nella esistenza di più di un Dio, anche se – tuttavia – l’influenza pagana è stata così forte da trasformare lo stesso messaggio cristiano in un messaggio pseudo-pagano. Infatti, si sa benissimo che se sono spariti dèi e semidei, sono comparsi santi e beati, i quali non hanno fatto altro che sostituirsi ai vecchi idoli, e non soltanto in senso allegorico-spirituale, ma anche in senso reale, perché all’idolo-feticcio si è sostituita la statua-feticcio, e sebbene questo rappresenti una mediazione tra la Terra e il Cielo, non si può negare che si tratti di rigurgiti tipicamente pagani.
Di ciò, naturalmente, non è responsabile Gesù Cristo!
Le responsabilità sono da ricercarsi altrove, ma questo è comunque un dato di fatto che si è verificato contro la stessa intenzione e volontà del Cristo…

Giotto - Resurrezione di Lazzaro

Giotto – Resurrezione di Lazzaro

Domanda: Molto tempo fa ci hai detto che in Terra sono passati spiriti di evoluzione più alta di quella del Cristo. Essi hanno avuto risonanza in Terra, oppure sono passati quasi inosservati?

Andrea: In realtà sono passati inosservati. A parte i più noti che voi conoscete come fondatori di religioni, in verità di grandi spiriti ce ne sono stati, ma si è sempre verificato questo: per voi i grandi spiriti sono stati soltanto quelli che hanno avuto in genere un contrassegno cattolico. Quando invece, presso le religioni indiane, ad esempio, vi sono stati grandissimi spiriti, grandi Maestri,. Ma presso quelle religioni non ci si è mai preoccupati di consacrarli, perché ciò è una cosa del tutto diversa per quelle concezioni. Naturalmente, gli spiriti di grandissima evoluzione sono in grande numero. Alcuni di questi grandi Maestri’ passati sulla Terra sono ora alla guida di altri sistemi… L’universo è "grande" e le possibilità infinite!…

Il libro

Da Giorgio di Simone: Il Cristo vero, ed. Mediterranee 1975

Post Correlati

Dali – Il Natale, la figura e il messaggio di Cristo

François – Il "ritorno" del Cristo

Corrado Piancastelli e l’entità A

I libri

Brani dell’insegnamento spirituale dell’Entità A

Iscriviti alla Newsletter

Se vuoi essere aggiornato sui post della categoria Spiritualità iscriviti a questa Newsletter, se invece desideri essere aggiornato ogni volta che è pubblicato un post, iscriviti alla Newsletter generale che trovi nella colonna a destra della pagina





About The Author

Magicamente Colibrì

Ho fatto studi classici al liceo e scientifici all’università, perché amo entrambi i mondi. Questa mia formazione è dovuta al fatto che in me convivono bene gli aspetti che caratterizzano l’essere umano, cioè quelli legati al pensiero razionale e a quello non razionale, e che sottintendono, rispettivamente, alla scienza e alla spiritualità. Molti sono i miei interessi e i post del blog lo dimostrano.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.